Infertilità e Alimentazione

Reflusso gastro esofageo
Novembre 18, 2020
La steatosi epatica
Febbraio 21, 2021

Infertilità e Alimentazione

Infertilità e Alimentazione

Infertilità e Alimentazione: che influenza ha il cibo su tutto ciò? Puó un cambiamento dello stile di vita apportare benefici a queste situazioni? 

Che cos’è l’infertilità

Un uomo o una donna vengono considerati infertili se, dopo un anno di rapporti non protetti, non sono riusciti a concepire un figlio. 

Diverso è il concetto di sterilità, dove uno o entrambi i partner sono affetti da una patologia fisica che impedisce il concepimento.

Nel primo caso, quello dell’infertilità, ci sono buone possibilitá di riuscita tramite supporto nutrizionale, psicologico e ginecologico, sia che si voglia provare ad avere una gravidanza naturale sia in caso si volesse seguire un percorso di PMA.

I dati dell’infertilità in Italia

Circa il 15% delle coppie Italiane soffrono di infertilità. Nel 2019 sono state 78.000 le coppie che si sono rivolte a centri di procreazione medicalmente assistita per cercare di avere in figlio. 

Le cause dell infertilità

  • L’età è una delle prime cause da tenere in considerazione: il picco di fertilità, sia per l’uomo che per la donna, va dai 20 ai 30 anni, calando progressivamente negli anni a seguire
  • Alterazioni ormonali o morfologiche dell’apparato riproduttore (es anomalie delle tube di Falloppio, PCOS, endometriosi)
  • Patologie, infezioni o infiammazioni (varicocele, orchite, criptorchidismo)
  • Scorretto stile di vita (sedentarietà, tabagismo, uso frequente di alcol, esposizione ad inquinanti e sostanze tossiche)
  • Alimentazione errata (consumo eccessivo di cibi industriali, zuccheri, carboidrati raffinati, bevande zuccherate, grassi trans)

Che cosa può dare un supporto nutrizionale nella ricerca di una gravidanza

Il supporto nutrizionale prevede la scelta di adeguati protocolli che vengono differenziati in base alle caratteristiche del soggetto, in base al percorso che la coppia sceglie per la ricerca di un figlio (gravidanza non medicalmente assistita o PMA) e in base alle varie fasi che caratterizzano l’intero percorso (fasi del ciclo mestruale della donna, fasi di preparazione alla PMA ecc..).

Quali sono gli alimenti da eliminare e quali quelli da privilegiare nel momento in cui si ricerca una gravidanza 

Alimenti da escludere o ridurre sono, come anticipato, cibi industriali, zuccheri, carboidrati raffinati, ma anche cibi non di qualità, come per esempio carni bianche derivanti da polli alimentati con farine o soia, che passano la loro breve vita senza muoversi, imbottiti di antibiotici, oppure pesci di taglia troppo grande che accumulano quantità eccessive di mercurio, e così via.. anche il glutine, il latte e i derivati possono creare problemi in quanto alimenti pro infiammatori.

Alimenti da privilegiare? Sicuramente in prima linea consiglio il consumo di grassi buoni, sia animali che vegetali: frutta secca, ghe, avocado, olio extra vergine d’oliva, olio di cocco, semi, olive, cioccolato fondente; anche le proteine sono essenziali in quanto sia gli ovuli che gli spermatozoi hanno bisogno, per crescere e formarsi, di proteine. Prediligiamo quindi carni bianche biologiche, uova biologiche e pesci selvaggi. 

Antiossidanti, vitamine e sali minerali che troviamo in verdure a foglia verde e arancio, alcuni tipi di frutti e integratori, che devono essere consigliati e personalizzati per ogni individuo, cosí come l’approccio dietetico, da un professionista della nutrizione.

Dott.ssa Veronica Berni

Biologo Nutrizionista
Esperta in Dietetica e Nutrizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *